LogoEstivo                               

Sabato, 07 Settembre 2013 10:35

il Surfabolario

 

Lo stile di vita del surfista è caratterizzato da un continuo viaggio alla ricerca dell'onda perfetta. Questo perpetuo vagabondare lo porta ad avere bisogno di un linguaggio internazionale col quale poter comunicare con un qualsiasi altro surfista straniero.
Nel seguente vocabolario sono compresi i vocaboli più usati nel surfing di tutto il mondo.
Si tenga presente che tale terminologia è in continua evoluzione.

 

LE MANOVRE

AIR THREE SIXTY
Three sixty effettuato in aria.
AERIAL
Manovra nella quale surfista e tavola si staccano dall'onda per poi rientrarvi.
Varianti: aerial 180', aerial 360'.
BACKDOOR
Termine utilizzato quando il surfista obbligato a intubarsi in un picco già formato più avanti o partendo sul picco che sta già tubando.
BACKSIDE
Surfata volgendo la schiena all'onda.
BLAST
Arrivare sulla cresta dell'onda in piena velocità ed effettuare una potente manovra.
BOTTOM TURN
Virata al piede dell'onda messa in atto dopo il take off.
CUT BACK
Manovra ad S eseguita dal surfista per ritornare verso il cuore dell'onda e riprendere velocità ripartendo dalla parte ripida.
DEEP INSIDE
Essere intubati molto profondamente.
DROP
Parte del take off che comprende il momento in cui si scende verso il piede dell'onda.
DROPPING
(In Italia: DROPPARE). Intralciare la surfata di un surfista già partito ed avente la precedenza.
DUCK DIVE
Superare l'onda affondando la tavola con l'aiuto di un ginocchio o del piede.
EL ROLLO
Manovra eseguita con il bodyboard o con lo skimboard. Si effettua risalendo il tubo che sta frangendo e cadendo successivamente insieme al lip.
FLOATER
Scivolare sulla cresta di un'onda già franta per recuperare nuovamente la parte pulita.
FOREHAND
Surfata di faccia all'onda.
FREEFALL
Si usa quando un surfista cade giù per il cavo dell'onda senza che la tavola tocchi la parete. Se le pinnette torneranno a mordere l'acqua, il surfista riprenderà la corsa, altrimenti, terminerà con una brutta caduta.
FRONT SIDE
Come forehand.
GOOFY FOOT
Chi surfa col piede sinistro a poppa.
HANG FIVE
Manovra utilizzata nel longboard. Consiste nel surfare con un piede in punta alla tavola.
HANG TEN
Altra manovra da longboard in cui ci si sposta sulla prua della tavola, in questo caso con entrambi i piedi.
HOT
Manovre e surfisti molto radicali.
IN THE POPE'SLIVING ROOM (essere nel soggiorno del papa)
Frase utilizzata quando si effettua una bella corsa su un grande tubo.
KICK OUT
Brusca sterzata verso il lip eseguita per lasciare l'onda.
LATE TAKE OFF
Take off effettuato su un'onda che sta già chiudendo.
LAY BACK
Variante del cut back in cui, invece di terminare la curva ad S, si effettua uno stallo della tavola con uno sbilanciamento del corpo all'indietro fino a toccare la schiena nel cavo dell'onda , operazione che vi darà la spinta necessaria a rimettervi in piedi.
NATURAL O REGULAR FOOT
Chi surfa col piede destro in poppa.
OFF THE LIP
Manovra in cui ci si dirige dritti verso il lip per poi effettuare, una volta raggiunta la sommità, una brusca sterzata verso il basso facendo fuoriuscire quasi tutta la tavola dalla cresta.
OLLIE
Simile a quello che si esegue con lo skateboard, consiste in un distacco della tavola dalla superficie dell'acqua eseguito premendo sulla poppa col piede posteriore e sollevando, e spostando in avanti, quello anteriore.
OVERGUNNED
Utilizzare una tavola troppo lunga per quelle onde.
PADDLE O PADDLING
Remare stesi sulla tavola da surf.
RADICAL
Stile aggressivo di un surfista.
RAIL GRAB
Manovra essenziale, specialmente nei tubi backside, quando il lip sta per colpire il surfista. Si esegue tenendo il bordo esterno della tavola e piegandosi verso il ventre dell' onda, al fine di evitare di essere travolti.
REGULAR FOOT
Come natural foot.
REVERSE
Manovre fatte procedendo per qualche istante con la poppa in avanti.
RE-ENTRY
Si tratta di una manovra simile al floater, dal quale differisce perché in quest'ultimo, il surfista galleggia sulla spalla che sta frangendo per poi recuperare la parte pulita, mentre nel re entry giunge sul lip che sta chiudendo e viene giù con esso.
STALL
Rallentare o azzerare la velocità della tavola per recuperare la parte ripida e attendere che vi raggiunga il tubo. Si esegue spostando il peso in poppa.
TAIL SLIDE 180°
E', praticamente, un off the lip seguito da un secco cut back col corpo sbilanciato all'indietro e le ginocchia molto piegate.
TAKE OFF
Fase iniziale della surfata in cui ci si mette in piedi e si va giù per il cavo dell'onda.
THREE SIXTY
Manovra nella quale la tavola viene ruotata di 360' dal surfista.
TOAD
Abbreviazione di Take Off and Die. Viene utilizzato quando un surfer termina con un wipeout un takeoff su un'onda impossibile da prendere.
TOPTURN
Virata sulla cresta dell'onda.
TRIM
Assetto sulla tavola.
TUBE RIDE
Corsa all'intemo del tubo generato dall'onda che frange.
UNDERGUNNED
Utilizzare una tavola troppo corta per quelle onde.
UP AND DOWN
Andare su e giù nell' onda per prendere velocità.
WIPE OUT
Caduta durante un take off o una corsa su onde abbastanza potenti.

 

MARE E ONDE

A-FRAME BARREL
Onda a picco centrale che progredisce regolare sia a destra che a sinistra.
BACK Schiena dell' onda.
BACKWASH
Quando l'acqua che procede verso riva si scontra con quella che rifluisce al largo si sviluppa un'alta e spettacolare impennata, detta appunto backwash.
BANK
Secca sabbiosa.
BARREL
Perfetta onda tubante.
BEACH BREAK
Onde che frangono su un fondale sabbioso.
BLOWN OUT
Onde che vengono rovinate da un forte vento proveniente dal mare.
BOTTOM
Piede dell' onda.
BREAK POINT
Punto in cui rompono le onde.
CHANNEL
Canale; corridoio in cui l'acqua rifluisce verso il largo. Vengono utilizzati dai surfisti per raggiungere più agevolmente la line-up.
CHOPPY
Condizioni delle onde meno brutte di blown out.
CLOSE OUT
Onda che, frangendo contemporaneamente su tutta o su grossa parte della sezione, impedisce la surfata.
CORAL REEF
Fondale caratterizzato dalla presenza di affilati coralli che possono provocare al surfista incauto dei profondi tagli, molto spesso causa di brutte infezioni.
DOUBLEHEAD
Onde alte il doppio di una persona.
FACE
Faccia di un'onda che non ha ancora franto.
FETCH
Massima distanza lungo la quale soffia il vento prima di raggiungere le coste.All'aumentare del fetch aumenta proporzionalmente l'altezza delle onde.
FLAT
Mare completamente piatto.
GLASSY
Onde con la superficie del mare completamente liscia a causa della mancanza di vento. Tali condizioni si verificano specialmente la mattina presto e la tarda sera.
GNARLY
Onda grossa, potente e violenta.
HEAVY
Condizioni del mare pericolose o impegnative.
HIGH TIDE
Alta marea.
HOLLOW
Onda molto tubante.
HUGE
Onda enorme.
IMPACT ZONE
Zona in cui frangono le onde ed il lip si abbatte sul fondale.
INSIDE
Tratto di mare compreso tra le onde che frangono e la riva. Utilizzato anche quando si è posizionati dentro o sotto il lip.
JETTY
Molo.
JUICE
Forza ed energia di un'onda.
LEFT
Onda sinistra.
LINE UP
Punto in cui le onde cominciano a frangere.
LIP
Labbro dell'onda che frange.
LOW TIDE
Bassa marea.
MUSHY
Onde poco potenti che non consentono manovre veloci e radicali.
OFFSHORE
Vento da terra.
ON SHORE
Vento proveniente dal mare.
OUTSIDE
Onda che frange molto lontana dalla riva o più distante dalla normale linea di frangenza.
PIER
Struttura poggiata su piloni in cemento o legno che si proietta in mare.Pontile.
POINT BREAK
Onda che rompe vicina ad un promontorio frangendo regolare in una sola direzione.
PUMPING
Mareggiata attiva.
REEF
Banco di roccia o corallo in cui s'infrangono buone onde.
RIGHT
Onda destra.
RIP
Corrente forte.
SANDBANK
Banco di sabbia che agevola la formazione delle onde.
SECRETSPOT
Luogo adatto al surf tenuto nascosto dagli scopritori.
SECTION
Parte dell'onda in cui il surfista prende velocità ed energia per sprigionare lemanovre.
SET
Serie di onde che arrivano ad intervalli regolari.
SHAPE
Forma dell'onda (riferito anche alla forma della tavola).
SHORE BREAK
Onda di risacca.
SOLID
Rafforzativo unito alla misura di un'onda (es. solid five feci).
SPOT
Luogo in cui frangono le onde adatte al surf
STORM
Tempo cattivo caratterizzato da piogge, forti venti e temporali,che spesso genera grosse mareggiate.
SWELL
Onde non frante che arrivano a seguito di una tempesta.
TOP TO BOTTOM
Onda molto hollow che genera un tubo così ampio che il lip va a toccare l'acqua alla base dell'onda.
TUBE
Tubo d'acqua generato dall'onda che frange.
WAVE
Onda.
WAVE POOL
Piscina con onde artificiali.
WHITE WATER O SOUP
Schiuma dell'onda franta.

 

LE ATTREZZATURE

BLANK
Speciale schiuma che compone l'anima della tavola e che viene poi rivestita da tessuto e resina. E' chiamata anche "foam".O
BONZER
Tavola munita di doppio concavo nella poppa, di una pinna centrale e di due pinne laterali più piccole per parte.
BOOTIES
Calzari in neoprene con la suola in gomma.
BOTTOM
Parte di sotto di una tavola.
CHANNEL
Scanalature situate nella carena della tavola che, favorendo lo scorrimento dell'acqua verso la poppa, ne aumentano la velocità.
DECK
Parte superiore della tavola; coperta.
DECK GRIP
Speciali adesivi antiscivolo, spesso utilizzati al posto della paraffina.
DELAMINATION
Distacco della resina e del tessuto dalla schiuma della tavola.
DING
Botta o foratura sulla resina della tavola che consente all'acqua di rovinare ed appesantire col tempo la schiuma interna.
EPOXY RESIN
Tipo di resina più costosa della poliestere utilizzata per creare tavole più leggere e resistenti.
F. C. S.
Fin Control System: sistema che permette di smontare le pinne della tavola con TR una piccola chiave a brugola.
FIN
Pinna applicata vicino alla poppa, nella carena della tavola, atta a darle direzione e stabilità. Ce ne può essere una (single fin), due (twin fin), tre (thruster), quattro (quad), fino ad arrivare ad un massimo di cinque pinne.
GUN
Tavole lunghe, sottili e strette utilizzate in onde grandi.
IBRIDI
Particolari tavole che sono una via di mezzo tra una tavola corta e un minimalibu (iongboard di più piccole dimensioni). Vengono utilizzate su onde che spingono poco.
KICK
Tennine adoperato per indicare l'incurvatura del nose della tavola. ZINC
LEASH
Laccio che unisce il surfer (surfista) alla tavola.
LONGBOARD
Tavole da surf con la prua rotonda, di lunghezza superiore ai 9 piedi (274,32 cm), nate negli anni '40, ma ancora utilizzate nei nostri giorni. Sotto tale misura prendono il nome di minimalibu.
LONGJOHN
Muta a canottiera e gambe lunghe.
MIDDLE
Parte centrale della tavola.
NOSE
Punta della tavola, prua.
NOSE GUARD
Protezione in gomma da applicare nella prua della tavola atta a proteggere quest'ultima dagli urti, ma, specialmente, a salvaguardare 'incolumità (in particolar modo gli occhi ) degli stessi surfisti.
NOSE KICK
Incurvatura dei primi 30 cm dei nose della tavola: consente partenze più verticali.
OUTLINE
Perimetro della tavola.
PARAFFINA (WAX)
Prodotto (cera) che si strofina sulla coperta della tavola per non scivolare.
PINTAIL
Tavola caratterizzata da una poppa molto stretta e terminante a punta, utilizzata specialmente su onde grosse.
QUAD
Tavola a quattro pinne.
QUIVER
Gamma di tavole adatte ad ogni condizione.
RAIL
Bordo della tavola.
RASH GUARD
Maglietta in lycra.
ROCKER
Incurvatura lungo l'asse longitudinale della tavola. Si ha la tendenza ad utilizzare un rocker molto accentuato e si vogliono favorire le manovre le manovre nella parte concava dell'onda (sotto il lip).
ROUND TAIL
Poppa tonda.
SCOPE
Incurvatura riferita alla parte anteriore della tavola.
SHAPE
Forma della tavola.
SHORTBOARD
Tavola corta terminante a punta in prua.
SHORTJOHN
Muta a canottiera e gambe corte.
SHORTY
Muta a mezze maniche e gambe corte.
SINGLE FIN
Tavola provvista di una sola pinna.
SPRING SUIT
Muta a gambe corte. Le maniche possono essere corte o lunghe.
SQUARE TAIL
Poppa quadrata.
SQUASH TAIL
Via di mezzo tra square e round tail. Oggi è la più usata.
STEAMER
Muta invernale calda.
STRINGER
Longherone della tavola. Asse longitudinale in legno atto a dare resistenza e rigidità alla tavola da surf. Possono essere anche più di tre.
SWALLOW TAIL
Tavola dotata di due pintail nella poppa, chiamata anche "coda di rondine
TAIL
Ultimi 30 cm a poppa della tavola.
THICKNESS
Spessore della tavola.
THRUSTER O TRI FIN
Tavola dotata di tre pinne. E' la più usata oggi giorno ed ha la caratteristica di avere la prua stretta e terminante a punta, la poppa squash tail e la larghezza massima in prossimità del centro tavola.
TWIN FIN
Tavola a due pinne.
V o VEE
Leggera V sotto la carena della tavola. Accentuato nella poppa (vee bottom) agevola i cambi di bordo.
WAX
Vedi paraffina.
WETSUIT
Muta, serve a proteggere il surfista dall'acqua fredda.
WIDTH
Larghezza della tavola.
ZINC
Speciale crema allo zinco usata nel viso (specialmente nel naso e sotto gli occhi) per proteggere dalle ustioni solari.

 

ALTRI TERMINI

ALOHA
Saluto hawaiano scambiato tra surfisti.
AUSSIE
Soprannome con cui vengono chiamati i surfisti australiani.
BIG WAVE RIDER
Chi surfa le onde enonrni.
CLASSIC
Mitico giorno di surf
GLASS
Laminare la tavola da surf con la resina.
GROMMET
Surfista di giovane età.
HANG LOOSE
Altro tennine hawaiano utilizzato per indicare tutto ciò che è simpatico.
HAOLE
Termine con cui i locals delle Hawaii chiamano gli stranieri.
HIT
Arco di tempo in cui dei surfisti competono tra loro in un "surf contest" (gara di surf).
HOTDOG
Surfisti, onde o tavole da manovre acrobatiche.
INTERFERENCE
Penalità assegnata ad un surfista che commette un dropin in competizione.
KOOK
Nomignolo dato ai principianti.
LIFEGUARD
Guardiaspiaggia.
LOCAL
Chi surfa abitualmente negli spot vicini alla zona in cui abita.
LOCALISM
Comportamento meschino da parte dei locals di una data zona, atto a rifiutare chiunque, non essendo del posto, vada a frequentare i loro spot.
SEA HURCHIN
Ricci di mare (molto comuni nei reef)
SESSION
Arco di tempo in cui si sta in acqua.
SHAKA BRAH
Saluto hawaiano fatto chiudendo il pugno e tenendo solo pollice e mignolo aperti.
SHAPER
Chi progetta e costruisce le tavole da surf.
SHARK
Lo squalo: il terrore di tutti i surfisti.
SUNSET
Session mirata a sfruttare le ultime luci prima del tramonto del sole.
SURF TRIP
Viaggio alla ricerca delle onde.
SURFER
Surfista.

Read 1889 times
More in this category: « Le manovre del Surf da onda